Cosa vedere a Santiago del Cile

Cosa vedere a Santiago del Cile?

Santiago è la capitale del Cile, nonché la metropoli più grande e importante del Paese. Venne fondata da Pedro de Valdivia nel 1541 lungo le rive del fiume Mapocho, al centro del bacino di Santiago. Occupa un’enorme vallata ricca di terre fertili, circondata dalle alte vette della cordigliera andina. L’altitudine media della città si assesta sui 500 metri, mentre il punto più elevato è il Cerro San Cristobal, che supera gli 800 metri di quota.

Santiago è una metropoli affascinante e dinamica, che giorno dopo giorno si arricchisce di nuove attrazioni, a completamento di uno straordinario patrimonio storico e architettonico. Come molte altre città sudamericane, fonde modernità e tradizioni, quartieri poveri e un centro storico in costante fermento.

A Santiago abbondano le piazze, i parchi urbani e i punti panoramici, rendendola una delle destinazioni turistiche più interessanti di tutto il Sud America!

Santiago del Cile: cosa vedere

Le attrazioni da visitare a Santiago del Cile sono davvero tante, disponendo di un patrimonio storico e artistico eccezionale. In confronto ad altre capitali sudamericane, questa città mostra un livello di disordine più pronunciato, attribuibile a una mancanza di coesione nell’architettura urbana: grattacieli e monumenti antichi sorgono uno di fianco all’altro, meantre i quartieri di moda si trovano fuori dal centro storico. Nonostante ciò, si tratta di una metropoli ricca di fascino, resa tale dalle Ande innevate che la circondano su ogni lato, dai magnifici parchi urbani, da alcuni punti panoramici davvero romantici, dai suoi numerosi musei e da una vita notturna all’altezza di una capitale. A continuazione, vi presentiamo la nostra lista delle cose da vedere a Santiago del Cile.

Chascona

Il barrio Bellavista è famoso per la sua vita notturna, ma anche per limponente presenza della Chascona, la casa-museo di Pablo Neruda, il cui nome in spagnolo significa “capelli arruffati”. Il rinomato poeta commissionò la costruzione della residenza, offrendola successivamente in dono alla sua amata Matilde, i cui riccioli abbondanti conferivano un particolare volume alla sua chioma. Come accennato, la casa sorge nel quartiere bohemien di Bellavista, ai piedi del Cerro San Cristobal: la sua costruzione risale al 1953 e custodisce gli arredi dell’epoca, diverse collezioni di oggetti appartenuti al poeta, nonché uno splendido ritratto della sua compagna (e poi moglie) Matilde, realizzato dal pittore messicano Diego Rivera. La casa-museo è aperta alle visite guidate tramite un’audioguida che offre approfondimenti sulla vita del poeta, gli eventi politici correlati e la storia dell’edificio costruito su alcuni terrazzamenti.

Vista di Santiago del Cile
Vista panoramica di Santiago del Cile

Cerro San Cristobal

Il Cerro San Cristobal è il punto più alto della capitale, accessibile sia tramite una pittoresca funicolare che attraverso una lunga scalinata. Al culmine della salita si trova la Terrazza Bellavista, dalla quale è possibile ammirare una vista mozzafiato sulla città e sulle montagne circostanti. La collina è un luogo splendido che, oltre ai panorami, offre diversi edifici storici e siti turistici. Sul Cerro, infatti, sorgono il Santuario dell’Immacolata Concezione, con la statua monumentale, lo zoo nazionale cileno e l’osservatorio astronomico.

Barrio Bellavista

Bellavista, il quartiere più affascinante di Santiago, sorge pittorescamente tra le rive del fiume Mapocho e le pendici della collina di San Cristobal. L’atmosfera bohémien di questo “barrio” si manifesta attraverso le vivaci facciate colorate, l’abbondanza di gallerie d’arte e la presenza di numerosi bistrot informali. La vivacità notturna prende vita principalmente lungo le vie Pio Nono, Constitucion e Bellavista, animate da una miriade di bar, locali notturni e ristoranti. Qui è possibile deliziarsi con piatti tipici, spesso reinterpretati in base alla creatività degli chef. Non mancano concerti e Dj set, ma anche mostre d’arte che si integrano armoniosamente con i vari murales disseminati nella zona. Bellavista è un quartiere apprezzato non solo dagli abitanti del luogo ma anche dai numerosi turisti che percorrono giornalmente le sue strade.

Cerro Santa Lucia

Il Cerro Santa Lucia, o collina di Huelen, si erge al centro di Santiago ed è il luogo in cui Pedro de Valdivia fondò la città, proprio nel giorno di Santa Lucia: il 13 dicembre del 1540. Oggi, la collina ospita uno splendido parco in stile francese, ricco di fontane, terrazze panoramiche e sentieri alberati. Alla fine del XIX secolo, fu fatto costruire da Benjamín Vicuña Mackenna, sindaco della città. Si tratta di un luogo davvero straordinario, che consente di ammirare un bellissimo panorama sulle Ande. Sul punto più alto della collina sorge il Castillo Hidalgo, fortificazione risalente al 1816 oggi utilizzata come location per eventi. Nel Centro Artesanal de Santa Lucia, invece, abbondano stand e bancarelle che vendono strumenti musicali e prodotti di artigianato locale.

Plaza de Armas

La maestosa Plaza de Armas, cuore pulsante della città, è rinomata per la vivacità che la caratterizza e per l’eleganza degli edifici circostanti, tra cui spicca la magnifica Catedral Metropolitana. Nella piazza si affacciano anche il Museo Storico Nazionale e l’edificio de la Municipalidad. Plaza de Armas è oggi uno dei luoghi imprescindibili di Santiago, con giardini ben curati e una galleria commerciale specializzata in prelibatezze culinarie tipiche. In sintesi, è un tesoro da non perdere per nulla al mondo!

Cattedrale di Santiago

La Cattedrale di Santiago, imponentemente eretta nella Plaza de Armas dal 1748, affascina i visitatori con la sua fusione di magnificenza barocca e sobrietà stilistica. È stata dichiarata monumento nazionale nel 1951 e custodisce la tomba del primo cardinale cileno, oltre al Museo d’Arte Sacra e a un’immensa biblioteca ricca di pubblicazioni relative alla storia civile e religiosa della città. La facciata, in stile coloniale, presenta tre ingressi e due campanili, completati nel 1800.

Mercado Central

Il Mercato Centrale sorge a breve distanza da Plaza de Armas. Originariamente destinato alla vendita di pesce fresco, il mercato si è evoluto nel tempo, offrendo ora una varietà di bancarelle specializzate nella preparazione di piatti a base di pesce. Ogni giorno, dalla mattina fino al pomeriggio inoltrato, è possibile sedere presso una delle numerosissime bancarelle e gustare piatti tipici cileni a prezzi economici. Non è un caso se il Mercado Central è uno dei luoghi più frequentati della capitale!

Palacio de la Moneda

Il Palazzo della Moneta si affaccia su Plaza de la Constitucion, una delle piazze più importanti della città. Nonostante il suo nome, il palazzo non ospita la zecca di Stato, ma la residenza del Presidente della Repubblica. L’edificio, interamente dipinto di bianco e caratterizzato da sale interne elegantissime, è visitabile solo su prenotazione. Ospita anche il Centro Culturale La Moneda, progettato dall’architetto Cristián Undurraga, in cui sono esposte opere d’arte moderna e contemporanea provenienti da tutto il mondo.

Palacio de la Moneda di Santiago del Cile
Palacio de la Moneda, Santiago del Cile

Gran Torre di Santiago

I panorami che si possono scorgere dal Cerro Santa Lucia e dalla collina di San Cristobal sono senza dubbio spettacolari, ma il luogo panoramico per eccellenza di Santiago del Cile è la Torre Costanera Center, detta Gran Torre di Santiago, ubicata vicino ai centri commerciali Costanera. Con i suoi imponenti 300 metri di altezza, questo grattacielo si erge come il più alto di tutto il Sud America e il quarto nell’emisfero australe. La sua silhouette inconfondibile ha definito lo skyline cittadino per decenni, contribuendo a rendere questo edificio un’icona riconosciuta a livello internazionale. Una visita al suo rooftop è raccomandata a tutti coloro che amano l’altezza!

Mercado Vega Central

Se il Mercado Central ospita prevalentemente bancarelle dedicate alla vendita del pesce fresco, poco più a nord, presso il Vega Central, è possibile acquistare tutto il resto. Qui infatti, tra l’allegro vociare dei mercanti e degli abitanti del luogo che fanno la spesa, è possibile trovare formaggi, salumi, spezie, frutta, verdura e molto altro ancora. Il Mercado Vega Central di Santiago è un’occasione unica per conoscere meglio la gastronomia cilena più autentica.

Museo di Arte Precolombiana

Le straordinarie collezioni custodite presso il Museo di Arte Precolombiana di Santiago del Cile la rendono una tappa obbligatoria durante un soggiorno nella capitale. Qui è possibile conoscere a fondo gli usi e i costumi delle popolazioni che hanno vissuto nella zona fin dal 12.000 a.C. Tra queste figurano i Mapuche, i Quechua, gli Inca, gli Aymara e tante altre ancora. Tra le cose da vedere spiccano gli impressionanti Chemamull, grosse statue di legno che venivano posizionate a guardia delle sepolture più importanti.

Museo della Memoria e dei Diritti Umani

Inaugurato nel 2010, questo museo fu fondato in memoria delle vittime delle violazioni dei diritti umani commesse durante la dittatura militare, tra i periodi più bui della storia cilena. Il museo propone mostre interattive, in grado di coinvolgere lo spettatore e indurlo a riflettere in merito agli eventi che hanno segnato il periodo compreso tra il colpo di stato del 1973 e la fine del regime militare del 1990. Da non perdere “La Geometría de la Conciencia” di Alfredo Jaar, che raffigura le sagome dei cileni scomparsi durante la dittatura, l’ultimo discorso del presidente Salvador Allende e il cortometraggio che narra l’attacco al Palacio de la Moneda durante il regime di Pinochet.

Barrio Lastarria

Il quartiere di Lastarria è una piccola oasi nel centro storico di Santiago, composto da stradine tranquille colme di artisti di strada e alcuni parchi presso cui rilassarsi all’ombra degli alberi. Ricco di bancarelle di artigianato e popolato da famigliole che escono per una passeggiata, questo luogo ispira pace e tranquillità. Edificato dal 1857, il quartiere si è sviluppato intorno alla Chiesa di Vera Cruz. Diverse famiglie aristocratiche cilene decisero di vivere qui e di costruire le loro bellissime case lungo le strade di quella che oggi è a tutti gli effetti la principale scena culturale della città. Qui non mancano mai spettacoli e concerti adatti a tutti!

El Pueblito Los Dominicos

Chi vuol trascorrere un po’ di tempo fuori dall’affollato centro storico di Santiago, deve prendere la linea 1 della metropolitana e raggiungere Los Dominicos, un’area periferica particolarmente tranquilla e ricca di verde. El Pueblito Los Dominicos è un sito protetto, situato di fianco alla chiesa di San Vicente Ferrer. In questo luogo, da secoli si riuniscono artigiani provenienti da ogni dove per vendere le proprie creazioni. È possibile trovarli all’interno dei vecchi edifici che caratterizzano la zona. El Pueblito Los Dominicos è il quartiere perfetto in cui cercare souvenir fatti a mano e oggetti particolari da portare a casa.

Parque Forestal

Questo parco è tra i più estesi della città (occupa circa 17 ettari) ed è uno dei luoghi più pittoreschi di Santiago. È uno spazio verde rigenerante, situato in pieno centro, lungo il fiume Mapocho. È particolarmente frequentato da coloro a cui piace fare sport all’aperto, passeggiare nel verde o andare in bici. Ospita un parco giochi per bambini e numerose sculture disseminate lungo i vialetti che lo attraversano. Il design richiama i grandi giardini europei di fine ‘800: il progetto originario, infatti, fu commissionato all’architetto paesaggista George Dubois.

Visitare la Cattedrale di Santiago del Cile
Cattedrale di Santiago del Cile

Quanti giorni occorrono per vedere Santiago del Cile?

Chi ha intenzione di pianificare un viaggio in Cile deve stimare una permanenza di almeno 10 o 15 giorni, di cui 2 o 3 da dedicare alla capitale. In un paio di giorni sarà possibile visitare i pincipali punti d’interesse della città. Per sfruttare al meglio il tempo a disposizione, potrebbe essere utile iniziare il tour dal centro storico e, quindi, dalla zona di Plaza de Armas, sulla quale si affaccia la Cattedrale. Da qui, è facile raggiungere il Palacio de la Moneda e il Mercado Central, per pranzare a base di pesce. Il Mercato Centrale sorge proprio di fianco al Parque Forestal. Al tramonto, si può godere di una vista mozzafiato dalla terrazza panoramica del Cerro San Cristobal, mentre per una cenetta informale, si consiglia di spostarsi ai piedi della collina, nel vivace quartiere Bellavista. Il secondo giorno potrebbe essere dedicato alla visita dei principali musei della capitale e del magnifico rooftop panoramico della Gran Torre.

Qual è il periodo migliore per andare in Cile?

Santiago del Cile è situato nell’emisfero australe, ragion per cui i mesi migliori per un soggiorno in loco sono quelli compresi tra dicembre e marzo. Non esiste un periodo sconsigliato per visitare il Cile, ma se l’obiettivo è evitare freddo e pioggia, meglio non partire durante l’inverno australe, che va da giugno ad agosto. Chi volesse visitare Santiago in concomitanza con un festival musicale, potrebbe optare per la prima metà di marzo. In quel periodo, infatti, si svolge il Ruidosa Fest, organizzato dalla cantante cilena Francisca Valenzuela e frequentato da decine di artiste pop e rock. Il tema del festival è l’uguaglianza di genere e il ruolo delle donne nell’intrattenimento. Il Lollapalooza Chile, invece, si celebra all’inizio di aprile, dura due giorni e propone artisti e band rock, pop e indie, sia internazionali che locali. La sede storica del festival è il Parco O’Higgins di Santiago.

Per cosa è famoso il Cile?

Santiago è una città bella e vivibile, ricca di attrazioni interessanti. Non è da meno la sua gastronomia, che annovera pietanze eccezionali come le empanadas di carne e verdure, il chupe de centolla, un pasticcio al forno il cui ingrediente principale è il granchio, il caldillo de congrio, a base di grongo e spezie, e il pastel de choclo, realizzato con un impasto a base di mais e ripieno di carne. È da segnalare, inoltre, che i vini cileni si stanno guadagnando una bella fetta di popolarità, anche a livello internazionale. Dal punto di vista letterario, invece, il Cile è la terra natia di tantissimi autori di successo, tra cui Pablo Neruda, Isabel Allende e Luis Sepulveda. E come dimenticare una delle isole più note della letteratura mondiale, quella sulla quale naufragò Robinson Crusoe, protagonista del celebre romanzo di Daniel Defoe? Il Cile è famoso anche per la presenza dell’isola di Pasqua, uno dei luoghi più incredibili del pianeta.

Viaggiare sicuri a Santiago del Cile con Heymondo

Prima di partire, pianifica al meglio il tuo viaggio a Santiago del Cile stipulando una polizza che ti possa aiutare a far fronte a qualsiasi imprevisto. L’assicurazione di viaggio di Heymondo è tra le migliori del mercato! Viaggiare con Heymondo offre numerosi vantaggi, tra cui:

  • App dedicata per smartphone Android e iOS;
  • Spese mediche generali coperte fino a 10 milioni di euro;
  • Assistenza medica 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, anche in caso di contagio Covid-19;
  • Rimborso spese in caso di annullamento viaggio per contagio o decesso causa Covid-19;
  • Copertura per le spese extra di alloggio in caso di quarantena da Covid-19, in seguito a test positivo con prescrizione medica;
  • Preventivi personalizzati.

Ecco cosa manca tra i buoni propositi del viaggiatore per il 2024: vivere il viaggio senza preoccupazioni e in totale sicurezza!

Richiedi la tua assicurazione di viaggio

Leave a Reply